Lecchese dell’anno

In questi giorni Lecco è stata pervasa da un sentimento incredibile di suspense.
S’è tagliata col coltello, quest’agitazione diffusa, e non s’è potuta tenere a bada.
Il motivo di questa tensione è un misto tra il ridicolo e il disarmante.
Il quotidiano La Provincia di Lecco ha inaugurato l’anno nuovo con un sondaggio dal titolo emblematico : “Il lecchese dell’anno”.
La procedura d’elezione è semplice e, sulla carta, democratica.
Basta inviare una semplice e-mail di “dichiarazione di voto” alla redazione del giornale locale (redlecco@laprovincia.it) ed attendere l’esito della consultazione cittadina.

Sorge immediatamente il quesito elementare degno d’ogni raccolta di adesioni : perché?
Quali requisiti e quali meriti deve possedere il “lecchese dell’anno”?
Nobili motivi, gesta eroiche, battaglie moralmente degne di nota o impegno civico?
Il quotidiano non fornisce risposte e si nasconde, un po’ sorridendo e un po’ glissando colpevolmente, dietro alla solita frase: “è un gioco, uno scherzo”.
Il punto è che dopo poche ore dal lancio del “gioco”, a quanto riporta il giornale, le adesioni non si fanno attendere e sbocciano, come bulbi primaverili, le prime “sorprendenti” candidature.
Di sorprendente, ovviamente, non vi è nulla : Bodega, Boscagli e Bobby Formigoni.
Il primo lo conosciamo tutti molto bene. Adorato dall’elettorato di centro-destra in quanto “interventista” e “schietto” (da vedere se siano sempre doti simbolo di purezza e positività) viene presentato dal quotidiano come personaggio in grado, nel 2007, di “spuntarla sulla Giunta delle elezioni” e “rimanere in sella” nel Parlamento Italiano.
Prima questione : è serio e socialmente utile incoronare un personaggio dichiarato “ineleggibile” dalla Giunta per le elezioni (in estate del 2007) perché “violava” una legge ben precisa?
Dove risiede il rispetto per la legalità e la tendenza a valorizzare gli esempi virtuosi del vivere comune? Mah…
Il secondo candidato di spicco è l’eterno, ex democristiano, cognato di Formigoni, ex Sindaco di Lecco, consigliere Regionale in quota Fi Giulio Boscagli.
La motivazione della candidatura? Il fan di Dell’Utri (vd. Nella sezione “video”) è stato capace di traghettare il partito sino al travagliato appuntamento del congresso provinciale e s’è impegnato da sempre negli interessi della città del Manzoni.
Le motivazioni per il Bobby regionale non ci sono nemmeno : perché è lui.

Un gentil lettore, probabilmente nauseato dalla routine di questi sondaggi auto-celebrativi, decide, a pochi giorni dall’inizio del concorso, di proporre come “lecchese dell’anno” la neonata Qui Lecco Libera.
Le motivazioni? L’impegno di ragazzi e persone libere, disilluse e consapevoli nel serio intento di informare e quindi migliorare la propria realtà circostante andrebbe sonoramente riconosciuto e quindi premiato.
La Provincia, evidentemente sorpresa da cotanta novità, cerca di bollarci come “grillini” ed il giorno dopo lancia ufficialmente la candidatura.
Come il buon giornalismo all’italiana vuole, il giornale si guarda bene dal pubblicare la lettera integrale – inviatale alla redazione – con la quale ci presentavamo e, con una sagace opera di Taglia&Cuci, inserisce a suo piacimento parti di questa.

L’epiteto di “grillino” al nostro movimento va stretto e nella nostra presentazione ne rendiamo ampia motivazione.

Il fatto straordinario è che oggi, ad un giorno dalla “pubblicazione” dei risultati, Qui Lecco Libera occupa l’ambita (sarcasticamente) Top-three del sondaggio insieme a Bodega e Gulisano.
Nelle ultime ore La Provincia dà il meglio di sé.
Sorgono nuovi nomi, assai gustosi a mio parere, come il Sindaco Faggi, conosciuta per la sua straordinaria capacità di contraddirsi nel giro di 24 ore, il suo vice Nava (“perché è un figo pazzesco”) e il Presidente della Provincia di Lecco, Brivio.
Tralasciando le simpatiche motivazioni che hanno portato Daniele Nava alla candidatura, aspettiamo ora fiduciosi – si fa per dire ovviamente – l’esito di questa avvincente corsa a tre.
Da una parte l’ineleggibile Lorenzo (vi invitiamo a dare uno sguardo alla sezione “video”), dall’altra il medico-scrittore Paolo Gulisano ed infine noi, Qui Lecco Libera.
Personalmente mi auguro che questa atipica quanto “straordinaria” candidatura, la nostra, riesca a condurre ad una simbolica riflessione su che cosa valga la pena premiare e che cosa, invece, andrebbe dimenticato.
Attendiamo fiduciosi.

Ecco i video-testimonianza di alcuni candidati illustri.

Bodega

e Boscagli

5 pensieri riguardo “Lecchese dell’anno

  • 7 Gennaio 2008 in 17:53
    Permalink

    Mi raccomando, attenzione a non urtare la sensibilità di paglia del signor Galigani, “umile” e premuroso servitore-responsabile de “LaProvincia”. Potreste ricevere risposte imbarazzanti!

    Forza QLL!

  • 7 Gennaio 2008 in 18:41
    Permalink

    Continuano ad arrivare mail di sostegno alla candidatura di Qui Lecco Libera!
    Purtroppo il sondaggio è chiuso da ieri sera.
    Domani conosceremo il vincitore e non perderemo occasione per cercare di intervistarlo…

  • 7 Gennaio 2008 in 21:06
    Permalink

    io voterei quel signore che si vede nei post precedenti.. quello che distribuiva dolci natalizi alla nicotina prima di natale. è proprio il personaggio dell’anno. e poi se vince ci scappa un’altra intervista.

    ciao QLL!

  • 8 Gennaio 2008 in 14:36
    Permalink

    ho letto che il vincitore è il mitico Bodega!
    ….io so il tuo sito…!
    Gg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.