Ho visto anche zingari felici

Domenica 1 Giugno sono andato a farmi un giretto per il prato di Pontida, per assistere al giuramento.
Dei politici non mi interessava molto; nulla, anzi.
Volevo carpire qualche cosa – che forse non ho ancora ben chiaro – da parte della base “padana”, dalle persone, spesso buonissime persone.
Mi auguro che dal piccolo resoconto filmato si possano percepire le stesse sensazioni che m’ha lasciato quella mattina: brave persone ma fedeli ad un miscuglio terrificante fatto di balle e slogan per allocchi.
Buona visione.

Duccio Facchini

[google 349865932000195430]

17 pensieri riguardo “Ho visto anche zingari felici

  • 23 Luglio 2008 in 13:15
    Permalink

    Ciao Duccio, sono commosso dal tuo documentario. Con grande semsibilità ed intelligenza sei riuscito a mostrarci quello che nessun media avrebbe mai potuto fare. Un documento che fa riflettere sulla profondità della specie umana ed ai suoi veri bisogni.
    Evviva l’informazione libera e giusta. Tutti i miei complimenti. Alan

  • 23 Luglio 2008 in 14:28
    Permalink

    La gente è sana, ma la loro informazione(sui fatti della politica) è malata.

  • 23 Luglio 2008 in 19:16
    Permalink

    il miglior video documentario d’informazione di QLL e ce ne sono tanti di ottimi.

    Bravo bravo davvero Duccio

  • 23 Luglio 2008 in 21:23
    Permalink

    non posso che fare i complimenti a Duccio e al cameraman per la pazienza…non sarei mai stato in grado di resistere dall’evidenziare le incoerenze e le brutture (anche grammaticali) uscite dalla bocca dei fedelissimi dell’Umberto…che curach…bravi

  • 24 Luglio 2008 in 11:13
    Permalink

    Ho avuto il cd in anteprima ;)

    ma veramente molti di queste persone parlano per slogan, per parole chiave: “ehhhh immigrazione….ehhhh Federalismo fiscale….ehhhh……” mi fanno tenerezza…

    Piffo

  • 24 Luglio 2008 in 12:14
    Permalink

    Bello, ben fatto, bravo! E sta volta hai fatto le domande senza esagerare con le provocazioni, bene così…

    Viene fuori davvero quel che è questa gente: non sono cattivi, solo che credono un po’ troppo a quello che vedono in tv e che dicono le persone in giacca e cravatta.

    Mi viene in mente la parola “ignoranza”, ma è più giusto dire “chiusura di orizzoniti”…tant’è che c’è il tizio che si chiede cosa c’entrano le televisioni con la politica!!!

  • 24 Luglio 2008 in 15:21
    Permalink

    Bellissimo video. I telegiornalai fighetti non si sarebbero mai mischiati agli “ignorantoni padani”…
    Sono d’accordo sulla riflessione circa la base popolare. Quelli che mi fanno più paura però sono gli arringatori del palco, i dirigenti: furbi, attaccati a loro volta alla “cadrega” romana, gettano fumo negli occhi a quanti hanno trovato nella maglietta verde la risposta a tutte le domande della vita (“Non ci sono soldi? Colpa dei comunisti e dei sindacati”, “L’economia va male? Colpa dei cinesi e di marocchini e rumeni”). E la gente che avete intervistato li vota e rappresenta l’8% dell’elettorato! Povera Italia.
    La classe politica nazionale ha perso il senso di responsabilità: ognuno agisce per l’interesse di alcuni fra i suoi accoliti, utilizzando tutti i mezzi a disposizione. Televisioni e giornali in primo luogo (lettura consigliata: “Il potere dei media” di Noam Chomsky, meglio il titolo originale “Media control”). Continuate così.

  • 24 Luglio 2008 in 17:58
    Permalink

    Veramente complimenti, ottimo filmato ed ottime domande con una pazienza non comune, nel non cadere in tentazione a certe battute dei padani.
    Questa credo sia l’unica strada percorribile, parlarci e cercare di spiegare con calma l’incoerenza dei loro leader.
    Nuovamente complimenti.

  • 24 Luglio 2008 in 22:26
    Permalink

    Agghiacciante.
    Il livello culturale è quello dei trogloditi, degli ominidi dell’età del bronzo.
    Più che un documentario sembra un cartone animato.
    I Flintstones trasferiti in Val Trompia.

  • 25 Luglio 2008 in 08:39
    Permalink

    Altro non ci si poteva aspettare da Voi che giudizi superficiali, Giovane Destra Lecco.
    Scusatemi se potrei tendere a generalizzare, ma se la cultura che intendete è quella dell’odio e della discriminazione (che tristemente Vi appartiene, qualcuno può negarlo…?), beh non preoccupateVi, dato che il genere di seme che si sta diffondendo è Vostro il medesimo, solo studiato per un target leggermente differente.
    La società appositamente manipolata dai media crea mostri.
    I simili si avvicinano e i diversi si allontanano (dividi e governa…) grazie agli slogan, alle finte battaglie e al bisogno di fuggire dalla solitudine (grande alleata della riflessione della Coscienza) per riconoscersi in qualcosa che spesso nemmeno ci appartiene. Si diffondono i virus Paura e Odio.
    Siete anche Voi vittime di questo meccanismo, mi auguro inconsapevoli, almeno per la maggior parte di Voi.

  • 25 Luglio 2008 in 08:49
    Permalink

    Dimenticavo, complimenti a Duccio e chi ha operato insieme a lui per fare un grande lavoro come questo.
    I nostri politicastri si conoscono oramai, che altro ci sarebbe da dire…? E’ il momento invece di conoscere la gente!

    Facciamolo girare! ;)

  • 28 Luglio 2008 in 13:12
    Permalink

    Bellissimo documentario, complimenti, Duccio.

    Lo linkerò sicuramente a breve nel nostro sito. Continua così! Se passi dalle parti di Pordenone scrivici un mail..

  • 2 Agosto 2008 in 20:06
    Permalink

    E’ pazzesco come possa bastare un microfono puntato ad un leghista, per riempirlo di insolenze.

    La dice lunga sulla cultura di questi individui( purtroppo della quasi totalità degli italiani). Per smantellare questo movimento, basta piazzare dei microfoni nelle loro feste padane e trasmettere i loro dialoghi.

  • 24 Agosto 2008 in 22:45
    Permalink

    Per problemi di connessione non sono riuscito a vedere il video, tuttavia ritengo meritorio che persone come Duccio (non sospettabili di essere leghisti) siano andate ad un raduno della lega per ascoltare i militanti e capire il loro punto di vista. Detto questo leggo dai commenti una serie di accuse di ignoranza che a mio avviso sono fuori luogo. Purtroppo non tutti hanno potuto studiare, molti altri non hanno voluto farlo, ma vi assicuro che ci sono molte persone semplici e di umile origine che hanno da insegnare, e parecchio, a molti laureati. Per cui mettere a tacere le richieste e i pensieri di queste persone con una frase del tipo : “dicono così perché sono ignoranti”, non risolve alcunché ed è segno di scarsa intelligenza. Molte delle richieste della Lega e dei pensieri comuni si ispirano semplicemente al buonsenso e a quel sano sentire comune che da sempre popola l’Italia. E si traduce nella richiesta di più sicurezza, di maggiore attenzione alle problematiche del Nord (senza avere vergogna di dichiararsi abitanti del territorio in cui si è nati e cresciuti), di uno Stato più leggero e “federale”. Poi si può essere più o meno d’accordo sul fatto che questo governo o più in generale l’alleanza con il centrodestra darà le giuste risposte a tutte queste richieste della popolazione, ma resta il fatto che le richieste in sé sono per lo più giuste e, appunto, di buonsenso. Come dice sempre una persona a me cara, la Lega spesso parla con un linguaggio al di fuori dagli schemi e che appare brutale ed eccessivo ai cosiddetti perbenisti, ma alla fine dice quelli che tutti (o quasi tutti) in cuor loro pensano (pensiamo alla sicurezza, all’immigrazione, allo Stato mangiasoldi e così via).
    Con stima
    P.S. Il blog di Piero Ricca, Qui Milano Libera, censura da mesi i miei commenti (che credo siano sempre garbati e mai offensivi). Vorrei capire dov’è finita la libertà di parola e di espressione. (Lo scrivo qui perché so dell’amicizia tra Duccio e il sig. Ricca e i sicuri contatti che ci sono tra loro).
    Saluti

  • 9 Settembre 2008 in 17:16
    Permalink

    Ciao … io qllo che contesto di più alla Lega,in particolare ai leader , è la mancanza di rispetto nelle persone per quanto riguarda la religione, l’etnia, la sessualità ecc … sono qsti gli slogan ke usano …ma sono anke gli stessi forse che usano le persone al bar, sarà per questo che attira la gente? nn so … Il rispetto di cui dicevo prima penso che debba essere alla base di ogni partito politico e individuo … se non c’è , c’è da preoccuparsi perchè l’ignoranza diffusa può creare ambienti invivibili.
    Inoltre non capisco come possa esistere un partito i cui esponenti urlano contro i mussulmani , i gay per esempio … ma dopo tutto c’è anche chi dice che Mangano è un eroe ….
    siamo in Italia e bisogna cambiare !

    alex

  • 14 Settembre 2008 in 12:23
    Permalink

    Ottimo il filmato, scene di vita vera e persone vere, difficile vedere cose di questo tipo sui media edulcorati. Io sono d’accordo con Marco, che scrive del buon senso di alcuni punti cardini della lega; esempio immigrazione: ci sono migliaia di stranieri che rendono ricca la nostra Italia facendo per lo piu’ lavori ingrati e mal pagati, e dovremmo ringraziarli. Mentre quelli che delinquono devono subire una condanna consona e andarsene di qui, in primis per rispetto di quei gia’ citati stranieri che si rompono la schiena e si sbattono per avere un permesso nelle questure (che sono luoghi veramente male attrezzati per questo genere di cose, sarebbe interessante visitarli per crederci) e che inevitabilmente paragoneranno la loro situazione a quella dei delinquenti che magari se la passano meglio di loro…
    A me quello che ancora meraviglia e’ come nel nostro paese i partiti siano visti come squadre di calcio: voto=tifo, e lo si vede bene anche nel servizio con la tentata intervista a Fassino. Una persona che fa una domanda scomoda e’ come l’arbitro che fischia il rigore contro. Tanta gente si lascia incantare senza spirito critico dai loro leader di partito, estasiati da una locuzione sulla manovra economica come da una punizione di Maradona…Bossi cambia idea su Berlusconi? E’ come Ancelotti che riscopre Inzaghi in gran forma dopo un infortunio… Mi vien da domandare chi e’ il Biscardi della politica…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.