‘Ndrangheta a Lecco: lo strano caso di P. S.

Tutte le persone coinvolte e/o citate a vario titolo, anche se condannate nei primi gradi di giudizio, sono da ritenere innocenti fino a sentenza definitiva.

Danny Esposito è il collaboratore di giustizia chiave dell’inchiesta Oversize. Tra i molteplici episodi che racconta ai magistrati, si sofferma a descrivere, con “precisione e piena attendibilità”, un fatto specifico: cioè quando i cugini Trovato, Giacomo ed Emiliano (figlio del boss Franco), concludono un rifornimento di cocaina nell’estate del 2003. Il fornitore si chiama Paolo Schillaci, detto “Paolo il siciliano” per le sue origini agrigentine, alleato con un latitante sudamericano amico di Franco Trovato. La procedura standard è questa: Schillaci procaccia il carico e lo porta agli acquirenti lecchesi, Giacomo si occupa del lavoro materiale mentre Emiliano conta il denaro e “sovrintende”.

Come detto, siamo nell’estate del 2003, Paolo Schillaci ha appena fornito ai due Trovato ben cinque chili di partita di cocaina, quantità ridotta a causa di un arresto imprevisto al confine spagnolo. Il collaboratore Esposito racconta d’aver comunque partecipato ad intense trattative per la successiva fornitura: si stima gravitasse intorno ai 25/50 chili.

Esposito, che parla di Giacomo Trovato come del “fratello che non ho mai avuto”, in occasione dell’affare dei cinque chili, incontra Schillaci tre volte. La prima è sul Lungolago di Lecco per il pagamento della partita. La seconda, e qui comincia a farsi interessante, è – parole testuali della sentenza Oversize – “in occasione del ritiro da parte dello stesso fornitore della Mercedes C SportCoupè a saldo di un chilo di cocaina, autovettura messa a disposizione da Paolo S. (che aveva degli accordi di cogestione con Giacomo [Trovato, nda], nell’ambito della sua attività di vendita di autovetture)”. Il ritiro sarebbe avvenuto “presso i magazzini di S.”, a Pescarenico. Al primo incontro, in occasione del quale Esposito sostiene d’aver visto il contatto agrigentino della cosca, Paolo Schillaci viene pagato da Giacomo Trovato. Dove? Presso il Bar Smile di via Torri Tarelli a Lecco. Attenzione però: “si trattava del saldo relativo ai residui quattro chili. Il primo chilo era stato infatti pagato con la macchina”. Quella stessa macchina “messa a disposizione” da Paolo S.. Ricapitolando: il mafioso siciliano porta con sé cinque chili di cocaina da vendere a sua volta ai cugini Giacomo ed Emiliano Trovato; questi però pagano in contanti soltanto quattro dei cinque chili componenti il carico. E l’ultimo chilo come l’hanno pagato? Stando alla sentenza di primo grado Oversize, attraverso l’auto “messa a disposizione da Paolo S.”.

La sentenza Oversize riporta ancora passaggi determinanti: “durante il controesame della difesa, Schillaci ha precisato come la consegna dell’autovettura al detto imputato fosse avvenuta in Pescarenico, ove per l’appunto si trovava il capannone nel quale la concessionaria S. teneva in deposito le auto”. Paolo Schillaci si fa accompagnare a ritirare l’auto sportiva da un uomo, un calabrese, a cui fa intestare il veicolo della casa tedesca. Un certo Fiumanò, secondo i giudici ancora latitante, che nel luglio 2003 diventa quindi proprietario della Mercedes. Faccenda curiosa: a metà del 2002, Paolo S. – tramite la sua “S. Paolo Srl”, ora formalmente cancellata, con “ufficio e deposito” proprio in via Plava a Lecco – acquista l’auto tedesca, nuova, di colore blu al prezzo di 29.600€ dalla concessionaria di Borgo D’Ale che a sua volta l’aveva importata dalla Germania. Nel luglio 2003 ecco il passaggio a Fiumanò per il prezzo di 25.000€ (la sentenza non ha dubbi: “valore compatibile con quello di un chilo di cocaina”). Pagamento, quello di Fiumanò a Paolo S., che però “non risulta tuttavia in alcun modo documentato […] nemmeno, sempre stando a quanto riferito dal detto testimone (Vincenzo Pasquale, nda) con un’annotazione stampigliata sulla fattura di vendita, come di regola accade nella prassi commerciale”. Quindi l’auto passa al guardaspalle di Schillaci (Fiumanò) senza che vi sia alcuna traccia dell’operazione. Nemmeno un’annotazione da parte del venditore (Paolo S.).

Un regalo oneroso? Un gesto brillante? Secondo la sentenza no: sarebbe stata una contropartita. Il Tribunale ha interpellato nel febbraio ’09 proprio Paolo S.. Casualità ha voluto che si sia avvalso della facoltà di non rispondere. Esistono però “rapporti stretti” tra Paolo S. e Giacomo Trovato (definito “socio di fatto” in certi affari di S.). Rapporti documentati da “risultati delle intercettazioni telefoniche su un’utenza in suo al medesimo imputato (Giacomo Trovato, nda)”, spiega la sentenza. Il 30 ottobre del 2004 è “papà Mario” (Mario Trovato, fratello del boss Franco Trovato) ad informarsi con il figlio Giacomo dello stesso Paolo S.. Poi ancora il 12 novembre ’04: (indicati con “M” Mario Trovato e con “G” Giacomo Trovato): M: “A Paolo non l’hai visto a Paolo?”, G: “…è pieno”, M: “Di macchine? Sempre di importazione?”, G: “Sì, Mò che si prende…”, M: “Non le puoi targare per che cosa?”, G: “E non le puoi targare… macchina…”, M: “E perché non la puoi targare?”, G: “Eh, perché… è un casino con queste macchine…”. I giudici non hanno dubbi: quel “Paolo” è certamente Paolo S.. E poi ancora il 7 e il 28 febbraio 2005, quando Mario Trovato e Paolo S. parlano direttamente al telefono. Mario Trovato è in carcere, Paolo S. è gradito ospite a casa del figlio.

Visualizzazione ingrandita della mappa

Chi è Paolo S.? Paolo Giovanni S., stando a recenti visure camerali, è nato nel maggio 1968 a Lecco. La sua “S. Paolo Srl”, quella di cui parla la sentenza Oversize, si trovava effettivamente a Pescarenico, esattamente in via Plava 5. Non era l’unico socio: vi faceva parte anche la signora Elena Rota, coetanea di S., seppur con una quota inferiore. Il caso vuole che entrambi, S. e Rota, abitino ad Abbadia, tutti e due in via Nazionale e tutti e due allo stesso civico. E’ bene ricordare che Elena Rota e Paolo S. non sono mai stati indagati, imputati o condannati all’interno del processo di mafia Oversize. Il secondo risulta “soltanto” nominato, qualche volta anche severamente. Ora, secondo le più recenti visure camerali, la “S. Paolo Srl” – nata nel 2002 – risulta “cancellata” (nell’aprile del ’08). Al suo posto, inteso in via Plava, s’è insediata la “Elite Car Srl”, riservata ad una clientela di un certo calibro come lo stesso nome sottolinea; tra i soci e/o titolari di quote Paolo S. non compare più, è rimasta soltanto Elena Rota. Quest’ultima, in passato, già socia della “Tellina Srl” (costruzione, ristrutturazione, gestione e locazione di beni immobili, nonché costruzione di strade e opere edilizie in genere) di via Filzi a Lecco, proprietaria – con lo stesso Paolo S. – della “Belsal Srl” (commercio all’ingrosso ed import-export di autoveicoli) poi ceduta nell’aprile del 2008 a Salvatore Bellarosa e quindi trasferita a Milano, proprietaria – sempre con Paolo S. – e poi amministratore unico della “Immobiliare Claudia Srl” – formalmente “cancellata” perché trasferita a Milano – con sede legale, fino al novembre del ’08, indovinate un po’, in via Plava a Pescarenico.

Duccio Facchini

5 pensieri riguardo “‘Ndrangheta a Lecco: lo strano caso di P. S.

  • 16 Marzo 2010 in 14:32
    Permalink

    Ha inserito sul mio blog l’articolo in questione.

    Vi invito a visitare il blog, che è un blog personale, che, sebbene si richiami al Movimento delle Agende Rosse di Salvatore Borsellino, non è IN NESSUNA MANIERA l’organo di detto movimento a Lecco.

    L’unico sito ufficiale espressione del Movimento è http://www.19luglio1992.com.

    Il blog riflette le opinioni unicamente del sottoscritto.

    Grazie

  • 16 Marzo 2010 in 14:33
    Permalink

    Lo stupido, io, non ha inserito l’indirizzo del blog:

    agenderosselecco.blogspot.com

    Scusate

  • 17 Luglio 2010 in 16:31
    Permalink

    BUON GIORNO PER UN ERRORE DI PERSONA SONO STATO CONDANNATO ALLA PENA DI ANNI 12 E MESI 6 IL COLLABORATORE PARLAVA DI UN SICILIANO ALTO 1, 80 CENT, IO SONO ALTO 1,64 E ALTRI RISCONTRI CHE MAI SONO STATI FATTI ATTUALMENTE SONO LIBERO IL CHE CHIEDERO LINTERVENTO DEL MINISTRO DI GIUSTIZIA PER RIFARMI IL PROCESSO , LAVORO 14 ORE AL GIORNO NEL CAMPO DEGLI IMPIANTI ELETRICI E HO 15 DIPENDENTI SE QUALCHE GIORNALISTA ONESTO VUOLE SAPERE LA VERITA MI CONTRATTI IO ABITO A COMO E A LECCO NON CONOSCO NESSUNO DI TUTTI GLI ARRESTATI E LO POSSO DIMOSTRARE COSA CHE HO DETTO AI MAGISTRATI NON HO MAI CONOSCIUTO QUESTO DROGATO DI ESPOSITO DENNI COSA CHE SRITTA AGLI ATTI CHE SI DROGAVA TUTTI I GIORNI E PUR DI EVITARE LA GALERA A ROVINATO PADRI DI FAMIGLIA INNOCENTI . BUON GIORNO schillaci paolo

  • 24 Ottobre 2010 in 18:53
    Permalink

    duccio facchini non ti stanchi mai di scivere cazzate stai tranquillo che non mi faro arrostire dalla procura di lecco ,e solo questione di tempo chiedero lintervento del ministro di giustizia e andremo anche a strasburgo corte europea dimostrero la mia innocenza e sara rifatto il processo oversaize , intanto cittadini di lecco continuate a pagare dalle vostre tasse un collaboratore drogato esposito denny , fior di mila euro a sperse dei cittadini , esposito denny un assuntore giornaliero di cocaina agli atti foglio 628 in astinenza a voglia inventare menzogne e palle sopra palle e attendibile ???? ma i riscontri stranamente non sono mai stati fatti ma che processo e questo , medioevo per fortuna siamo in uno stato democratico ma vedo che non aplicate i diritti costituzionali , schillaci paolo

  • Pingback: Qui Lecco Libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.