Com’è andata con il Vice Sindaco Vittorio Campione?

Mercoledì mattina Qui Lecco Libera ha incontrato il Vice Sindaco, nonché Assessore all’Ambiente e alla Mobilità del Comune di Lecco, Vittorio Campione. Il tema al centro della discussione è stato quello della mobilità.

Come sapete, l’Amministrazione Brivio ha redatto un questionario cittadino concentrato sul “bike sharing”. A quanto dettoci dal Vice Sindaco Campione, la risposta dei cittadini è stata “più che soddisfacente”. Il numero dei questionari consegnati entro il termine stabilito non è ben chiaro. Ci accontenteremo di mediare tra “qualche centinaio” e “parecchie decine”. Un quarto dei dipendenti del Comune – a dir la verità, un po’ pochini – ha risposto direttamente tramite posta elettronica dopo esser stato interpellato ad hoc.

Il progetto “bike sharing” del Comune di Lecco sarà, senza alcun dubbio, un progetto “sperimentale”. “Non aspettatevi che qualche decina di biciclette”, l’ammonimento del Vice Sindaco e del suo staff. Un po’ mancano perché i soldi, un po’ perché non poco intimoriti da un ipotetico “flop”. L’intero affare del noleggio delle biciclette dipenderà in toto dall’esito dei due bandi che interessano al Comune: il primo, di luglio, della Fondazione Cariplo, il secondo, con scadenza ad ottobre, del Ministero dell’Ambiente. L’uno coprirà le spese per l’acquisto dei mezzi, l’altro quello delle competenze di hardware e di costi relativi all’infrastruttura di nolo.

Sulla gestione del servizio l’aria che tira indica un affidamento diretto al già avviato Crossing Bike, creatura della Comunità di Via Gaggio. Sicuramente verrà predisposta da quest’ultima l’area di sosta in zona Bione; inoltre potrà far affidamento sul parcheggio presso la Stazione Fs di proprietà del Comune per un punto di ricovero delle biciclette. La seconda delle quattro (poche) aree di noleggio verrà posta all’altezza del Monumento dei Caduti del Lungolago. Il Centro Meridiana e la Stazione Fs costituiranno gli altri due poli.

E’ evidente, come del resto gli stessi interessati han già riconosciuto, che il progetto “bike sharing” in discussione è a dir poco minimalista. Sull’onda di questa legittima volontà di ascolto e raccolta di contributi, come Qui Lecco Libera ci siamo permessi di avanzar qualche idea in più, specialmente dal punto di vista politico. Partendo dal presupposto che “fare Politica” è ben diverso che ratificare decisioni prese altrove o produrre quintali di carta bollata, siamo convinti che l’argomento “bicicletta” sia una parte, non il tutto, della questione “mobilità”. Mobilità che implica una visione articolata della vivibilità di una città, dei suoi cittadini e di chi in città trascorre un intervallo di tempo (lavoro o studio).

Il noleggio delle biciclette, pur essendo un’ottima idea e uno smarcamento necessario rispetto alla Banda degli anni scorsi (anche se l’ex minoranza non s’è molto distinta all’epoca come proposte alternative, anche su questi temi), non può prescindere da un’organica ed efficiente rete di piste ciclabili. La bicicletta non può esser ridotta a mera soluzione turistica. Prima di tutto è un mezzo di spostamento, e come tale esige prerogative viabilistiche ben specifiche. E’ naturale che riservare particolare attenzione ai pedali implichi – com’è giusto – un intelligente disincentivo all’utilizzo dell’automobile. E da qui prendono piede spunti diversi: dal “car pooling” alla figura del “mobility manager”, dai parcheggi di interscambio alle “zone 30”, da una nuova pianificazione del traffico al prezioso implemento del trasporto pubblico.

Abbiamo messo sul tavolo queste ed altre idee. Rinfrancati dal fatto che tutte queste apparenti “rivoluzioni” son già state attuate, applicate e concretizzate da governi cittadini trasversali e per questo “virtuosi”; addirittura in Italia.

Infine: ricordate gli appuntamenti in città volti a raccogliere contributi in vista della stesura del Piano di Governo del Territorio?
Perché non replicare tutto ciò per il tema della mobilità? La risposta del Vice Sindaco Campione è stata prudente. Diciamo che ci ha detto un “sì, ma anche…”.

Quel che è certo, al di là del “ma anche…”, è che continueremo a portare avanti queste tematiche, facendo nostre le parole di Guido Viale: “l’alternativa c’è”, basta scorgerla.

Qui Lecco Libera

One thought on “Com’è andata con il Vice Sindaco Vittorio Campione?

  • 19 Giugno 2010 in 09:53
    Permalink

    Salve!
    Vorrei segnalarci http://www.viaggiainsieme.it , portale di car pooling
    che ha un ottimo successo nella regione Marche!
    Sicuro, gratuito e garantito da diverse amministrazioni
    pubbliche e private.
    In regione stanno creando una bella comunità in viaggio.
    Contattateli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *