“Wall Street”: la nota di Garavini e Codurelli (Pd)

Riceviamo e pubblichiamo volentieri la secca nota di Laura Garavini e Lucia Codurelli, del Partito Democratico, riguardante l'”inconcepibile” manovra della Prefettura lecchese. Auspichiamo che questa coerente presa di posizione contribuisca a rianimare il buon senso tra gli inquilini (specialmente di maggioranza) di Palazzo Bovara.

Lecco/Mafie: Pd, inconcepibile perseguire Facchini

“Sulla vicenda della pizzeria Wall Street di Lecco la Prefettura ha due responsabilità: la prima nell’aver lasciato che il bene restasse in totale abbandono per più di dieci anni, che è quello che le mafie vogliono, la seconda nel perseguire chi ha segnalato il problema, invece di verificare come rimediare presto e bene a questo errore.” Lo dichiarano Laura Garavini, capogruppo del Pd nella commissione parlamentare Antimafia, e la deputata del PD Lucia Codurelli,  commentando la denuncia rivolta dalla Prefettura di Lecco contro Duccio Facchini per aver fotografato e pubblicato su un blog delle foto del bene confiscato a Lecco alla cosca Trovato, ed in condizioni di totale abbandono.

“Siamo sicure che si tratta di una valutazione errata e che il Ministro dell’Interno, Maroni, che ben conosce l’importanza del riutilizzo serio e veloce dei beni confiscati alle mafie, interverrà. Qui lo Stato, i cittadini e le associazioni devono stare dalla stessa parte: l’avversario da denunciare è la mafia, non chi si batte contro le mafie, soprattutto se è un cittadino che ha voglia di cambiare le cose”.

Roma, 23 settembre 2010

Qui Lecco Libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.