Idroservice: l’ex sindaco di Valmadrera nello staff della Direzione generale (nonostante Metastasi)

 metastasi-a-opera-restano-rusconi-e-crotta_c44ada50-e348-11e3-92b5-22debe459c8f_display
(Marco Rusconi, ex sindaco di Valmadrera. Foto de La Provincia di Lecco)

Il 30 giugno scorso i direttori generali di Idrolario Srl e Idroservice Srl -le due società operanti (chi ieri e chi oggi) nella gestione del servizio idrico integrato del territorio- hanno firmato e inoltrato ai dipendenti un “ordine di servizio” avente per oggetto il loro “avviamento dell’organizzazione funzionalmente integrata”. Un ordine di servizio che riguarda anche l’ex sindaco di Valmadrera Marco Rusconi, arrestato lo scorso 2 aprile (e rilasciato 77 giorni dopo) nell’ambito dell’operazione antimafia “Metastasi”, ritenuto -dalla Procura di Milano- responsabile dei reati di turbativa d’asta e corruzione. Lo stesso Rusconi che lavorava presso l’Ufficio Gestione Contratti di Idrolario.

Il passaggio di consegne in corso tra i due vettori societari deriva dalla decisione espressa il 14 maggio dello scorso anno dalla maggioranza dei sindaci della Conferenza dei Comuni, che votò a favore dell’affidamento ventennale alla neonata società Idroservice Srl, subentrante a Idrolario. Il Comitato acqua pubblica e beni comuni della provincia di Lecco -che sul punto ha presentato un esposto alla Corte dei Conti- definì l’operazione come un autentico “tradimento” dei referenda del giugno 2011, quando la maggioranza schiacciante degli italiani preservò l’acqua e i servizi pubblici dal mercato.

Scorrendo le quattro pagine dell’ordine di servizio -divenuto “indispensabile” secondo i due dg per “stabilire e formalizzare le relazioni funzionali tra le aree operative di Idrolario e Idroservice sulle quali si basa l’efficace esecuzione e controllo dei processi”- si giunge all’ultima delle elencate “indicazioni”. Che così recita: “l’Ufficio Gestione Contratti di Idrolario non trova corrispondenza funzionale nell’organizzazione di Idroservice; in conseguenza, l’ing. Marco Rusconi assume una posizione in staff alla Direzione Generale di Idroservice, con compito di presidio e coordinamento dei progetti di investimento a Piano d’Ambito e dei rapporti con l’Azienda Speciale Ufficio d’Ambito”.

Schermata 2014-08-12 alle 23.58.39

(l’estratto dell’ordine di servizio che interessa la posizione lavorativa di Marco Rusconi)

Ribadita la presunzione di non colpevolezza fino al terzo grado di giudizio e la piena legittimità della decisione dei vertici delle due società, ci chiediamo quanto sia opportuno -a “Metastasi” esplosa e a carte dell’inchiesta ormai di pubblico dominio- affidare un incarico così delicato (com’è presidiare e coordinare progetti di investimento) a chi, come Marco Rusconi, ordinanza di custodia cautelare di “Metastasi” alla mano, si ritrova in una posizione quanto meno problematica in materia proprio di gestione di gare nell’interesse della cosa pubblica.

Rusconi che, infine, non esitò a sette giorni dall’arresto a fare un “opportuno” passo indietro da Sindaco per non pregiudicare l’attività amministrativa del municipio di Valmadrera. Una sensibilità che pare essersi annacquata dalle parti di Idroservice Srl.

 Qui Lecco Libera

3 pensieri riguardo “Idroservice: l’ex sindaco di Valmadrera nello staff della Direzione generale (nonostante Metastasi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.