Il popolo della Brambilla

Tristezza, condita insieme ad un pizzico di incredulità. Questa la sensazione predominante dopo questi due giorni “insieme” a Michela ed al “suo” popolo. Abbiamo cercato di interpellarla su una questione molto importante : la situazione indegna di decine di volontari estromessi ingiustamente dal canile che lei gestisce. Tutto questo è in antitesi con la Brambilla “amica degli animali” che compare sui giornali o sulle televisioni d’Italia. Una contraddizione che ci piacerebbe aver chiarita. Eppure…
Lunedì, ultimo di marzo, era attesa presso la libreria Cavour per presentare una sorta di biografia intitolata emblematicamente “Miss Libertà”.
Chi meglio di “Miss Libertà” può accettare il confronto e cercare la massima trasparenza? Lessicalmente nessuno, sostanzialmente quasi tutti.
Eh sì perchè la Brambilla rifugge al confronto. Dopo la breve recensione dell’opera liberale, la libreria permette un piccolo spazio per le domande. Nel video potrete osservare cosa sia successo.

Purtroppo però la vera tristezza deve ancora giungere.
Insoddisfatti della “risposta” di Michela riguardo al problema dei volontari esclusi dal canile, decidiamo di andarla a trovare anche Martedì sera, presso la sala della Banca Popolare di Sondrio. Incontro aperto al pubblico, in teoria. Non appena giungo con un mio amico “cameraman” ci si para davanti con fare minaccioso il Responsabile nazionale dei Circoli della Libertà (rileggete) Bruno Colombo. E’ molto su di giri. Rabbioso ed assolutamente poco liberale, permettetemi. Infatti l’incontro muta : non è più pubblico, è su inviti. Colombo cambia le carte in tavola. Non sono gradito, mi dice. Gli animi si scaldano. Cerco di rimanere calmo, non cascare nel tranello dei “liberali”. Irritato per la sua comparsa su YouTube (vd. il Video in questione ) il Consigliere Comunale Mambretti sradica di mano all’amico con me la videocamera. Un poco ancora e la rompeva. Un signore apparentemente distinto sibila :”Riprendi, che questa è la volta buona”.
Evidentemente imbarazzati, gli agenti Digos ci invitano a farci un secondo da parte. Cercano un compromesso. Alla fine ne esce una bozza ridicola : voi state qui e loro non vi menano.
Provano a mediare anche col “liberale” Colombo. Nulla da fare. Non ci vuole.
Nel mentre, alcuni di noi sono già all’interno della sala. Sfuggiti ai “controlli” dei “liberali”.

Ecco che arriva Michela. Solita macchina sportiva e bottiglia di Coca Cola appoggiata presso il cruscotto (“Ne va ghiotta” mi confesserà il suo autista).
Le maglie di controllo del popolo di Michela si allentano. Colombo si distrae ed io riesco a sgattaiolare nella sala. Pochi secondi e ci sono. Raggiungo con lo sguardo gli altri amici.
Ecco che allora ritorna Colombo. La lista di improperi e minacce che mi rivolge ve le evito.
Troviamo una mediazione – tutta sua ovviamente : se dovessi alzare la mano, lui mi concerebbe “blu”. Un ottimo risultato.

La serata si trascina a suon di applausi forzati alla leader rossa (di capelli ovviamente). I tasti prediletti del popolo di Michela sono : immigrati clandestini fuori dalle balle, maestrine della Cgil fuori dalle balle, Prodi fuori dalle balle e salviamo Malpensa. Tra tutto però Michela lascia per il finale la piccola precisazione : sarà attenta a Lecco – il “suo” paese – sarà vicina ai lombardi, però si è candidata in Emilia Romagna. Un pò come il modenese Giovanardi che è stato eletto nel 2001 a Lecco. Contraddizioni tutte loro. Inoltre è abbastanza significativo il fatto che questi due reciproci scambiatori di “dimora” elettorale non si siano nemmeno incontrati in questa campagna elettorale.
Durante la farsa, poi, siamo stati più volte fotografati e monitorati – in pure stile anni ’70 – da fotografi di corte, improbabili scagnozzi e dal gioviale autista della Brambilla. Chiunque dovesse veder pubblicate le foto relative alla serata in questione ci informi.

Al termine dello “splendido” discorso berlusconiano pronunciato dalla Brambilla verranno registrati ancora minuti di tensione. Alta. Insulti, minacce, auguri infelici (“Spero che muori di fame, te e la tua famiglia”), vergognose allusioni sessiste (da parte di un rappresentate del Popolo della Libertà, probabilmente padre di figli nostri coetanei) e reiterate aggressioni verbali nei confronti delle volontarie del canile presenti (anzi, tenute all’esterno da Colombo) alla serata.

Visibilmente nauseati decidiamo di andarcene.

Esperienze come queste fanno riflettere molto. Specialmente a freddo, con coscienza.
Quello che mi chiedo io è come sia potuto accadere. Come ha potuto la Politica divenir teatro degli orrori. Che cosa è successo perchè tal repellenza alle domande pervadesse gli ormai divenuti “fedeli” – più che coscienti elettori?

Tristezza infinita.

Duccio e Benni

24 pensieri riguardo “Il popolo della Brambilla

  • 4 Aprile 2008 in 10:50
    Permalink

    Ecco, queste cose mi piacciono.
    Se Duccio avesse fatto la fila e le avesse chiesto faccia a faccia di rispondere alla domanda sarebbe stato interessante osservare il comportamento di “Miss Libertà” (che ridere il titolo, vero?).
    La prossima volta evitate di fare le polemiche e limitatevi solo a fare le domande e rispondere alle provocazioni, così non si possono appellare a nulla per screditarvi.
    E diventa anche più divertente! :-)

    Davvero due palle così, io al terzo sfottò me la sarei presa col pelato da Zelig. Bravi!

  • 4 Aprile 2008 in 10:53
    Permalink

    Da far girare, sto video…

    Nel canile ci metterei qualcuno di loro, indipendentemente dall’aspetto vagamente antropomorfo.

  • 4 Aprile 2008 in 13:20
    Permalink

    Grandi! Duccio immenso. Il finale è bellissimo. Se vedem stasera..
    bye!

  • 4 Aprile 2008 in 13:41
    Permalink

    ciao ragazzi,
    vi ringrazio per il servizio e per l’impegno che dimostrate sempre.
    Immagino che vi siate sentiti come dei “sani in un manicomio” come diceva piero ricca, eh, un pò mi ci sento anche io e non so cosa ancora mi tenga qui dall’impazzire anche io o dall’emigrare.
    Un abbraccio!
    marisa

  • 4 Aprile 2008 in 13:43
    Permalink

    Comportamento squallido di questa gente…mamma mia….

    I miei complimenti per gli intenti…..vedete che rimanendo calmi la figura di merda ce la fanno loro….ce la fanno loro sì sì…

    il fatto che non si può neanche iniziare una domanda che già ti fermano dicendo “ma non rompere i biiiiip” è schifosamente antisociale….
    mi ricorda tanto berlusconi quando gli chiedono dei vari processi: “ancora con queste storie?” ricorda…..dai basta con la storia del canile, ragazzi, sono passati ormai 210 giorni…..appunto.

    Piffo

  • 4 Aprile 2008 in 14:47
    Permalink

    Statele addosso!!!
    Grandissimo Duccio nei ‘dialoghi’ con i forzitalioti… prudono le mani, eh?!!
    franz

  • 4 Aprile 2008 in 15:37
    Permalink

    Bravi ragazzi!!!
    Vanno messi con le spalle al muro questi ignoranti!!!
    Giulia

  • 4 Aprile 2008 in 17:44
    Permalink

    Complimenti davvero!

    Permettetemi però qualche critica da uno che fino a qualche settimana fa era dall’altra parte, che era un “forzaitaliota”, che forse avrebbe semplicemente guardato la scena ma che non avrebbe simpatizzato con voi, anzi.

    Capisco che dal tuo punto di vista e da quello di coloro che sempre sono stati in grado di vedere il marcio che c’è dietro a gente come la Brambilla quella massa di persone che si radunano, sotto la bandiera del circolo delle libertà, possano sembrare completamente matte. Io le capisco (permettetemi, forse meglio di molti visitatori di questo dito) poichè fino a qualche mese fa io ero uno di quei matti.

    Eppure quei “matti” sono coloro che dovete conquistare, sono il vostro obiettivo. Credo che il vostro scopo sia, da una parte, quello di cercare di ampliare il più possibile il consenso verso il vostro movimento, dall’altra quello di informare le persone, di farle uscire dallo stato di coma informativo in cui sono. Se volete raggiungere questo obiettivo la prima cosa da fare è capire questa gente che a voi sembra semplicemente “pazza”. Le domande a cui dovete trovare risposta sono:

    Perchè questa gente si radunano in libreria ad incontrare la Brambilla?
    Perchè credono che sia non giusto rivolgerle una semplicissima domanda?
    Perchè sono così prevenuti?
    Perchè non vogliono nemmeno ascoltare una voce fuori dal coro?

    Fino a che riuscirete ad immedesimarvi in quelle persone i vostri interventi rimarranno un “mezzo successo”. Siete stati bravi perchè avete sollevato la questione, ma cosa avete ottenuto alla fine? Qualcuno ha voluto informarsi su quello che sta succedendo nel canile o è stato un semplice scontro fine a se stesso?

    Ricordate: non è uno scontro fra voi e loro, è una campagna di informazione che vi siete impegnati a fare. Quegli ignoranti (mi riferisco alle persone che partecipavano all’evento e li chiamo così perchè effettivamente non conoscono cosa si nasconda dietro a forza italia e alla Brambilla) sono il vostro obiettivo, che dovete capire, coccolare e a cui dovete cercare di spiegare le vostre idee, non è gente da mettere con le spalle al muro.

  • 4 Aprile 2008 in 17:45
    Permalink

    Complimenti a DUCCIO !!!

    Cosa possiamo aspettarci da una Presidentessa di un’associazione “animalista” che ha iniziato la sua attività occupandosi di una salumeria (salumeria di Montenapo, Milano), che successivamente è passata al commercio ittico (Sal seafood), importando e vendendo salmone, gamberi e crostacei, poi al commercio di carne in scatola (Sal petfood) ed infine ha nominato come suo braccio destro un cacciatore ?

  • 4 Aprile 2008 in 21:53
    Permalink

    cari duccio e benni, nessuna tristezza ma allegria! perchè sempre allegri bisogna stare.
    Intendiamoci; il dialogo è (un po’) come un rapporto di coppia, bisogna esser in due.
    Per (dolente) esperienza sospetto che chi più ne parla meno ne faccia.
    Infine, volere o volare, non si può essere neutralmente “obbiettivi” tra Weltroni e BWerlusconi.
    Bisogna decidere chi appoggiare, e lasciarli a bagno tutti e due.
    Oppure si è pronti al martirio, all’incomprensione, al sospetto.
    Personalmente vi sono grato – e sono sinceramente stupito – del vostro lavoro di documentazione.
    Politicamente, credo che con un diverso rapporto di forze potesse essere impedito alla Brambilla di parlare. In nome della Corretta Informazione

  • 4 Aprile 2008 in 22:02
    Permalink

    Ciao a tutti…nella seconda parte (su youtube) appare mr.Minaccia…se vi può interessare vi posso dire che si tratta di Mario Formenti, valsassinese e presidente del circolo valsassina di a.n.

  • 4 Aprile 2008 in 22:23
    Permalink

    Per Davide Renzi.
    A proposito di come mai certi atteggiamenti di intolleranza da parte di certe persone: ha presente la storia di Peppino Impastato ,narrata nel film “I cento passi” ? non erano pazzi coloro che lo hanno ammazzato e nessuno li avrebbe mai curati.
    Ci sono molti che ingenuamente seguono leader sbagliati: questi forse possono capire.

    Cordialmente.

    laviano

  • 5 Aprile 2008 in 01:02
    Permalink

    Ce ne fosse di gente come voi … grazie.

  • 5 Aprile 2008 in 10:28
    Permalink

    siete tutti degli esaltati!!!ma non vi vergognate?!
    ciò che fate è aberrante

  • 5 Aprile 2008 in 11:21
    Permalink

    coraggio ragazzi, continuate così! abbiamo bisogno di persone come voi.
    ho visto il video e mi complimento per l’educazione con la quale avete affrontato il tutto (difficile mantenere la cama in situazioni del genere). siete stati davvero grandi.
    adesso inizio a divulgare il vostro lavoro, perchè eventi simili devono essere messi in evidenza.
    grazie ancora
    claudia

  • 5 Aprile 2008 in 16:50
    Permalink

    sempre bello come al solito.
    miss libertà… chissà chi le ha scritto il libro.
    colombo ha dimostrato di essere un vero animale. probabilmente va d’accordo con la brambilla per questo. se fossi in voi gli farei una bella denuncina per ingiuria. le prove le avete. inoltre non può tenere fuori della gente da un incontro pubblico. denunciatelo così la prossima volta capisce. certa gente ha bisogno delle mazzate per capire. non è colpa loro. sono scemi non cattivi.

  • 5 Aprile 2008 in 17:20
    Permalink

    L’ho visto solo oggi dopo la festa..
    Grandissimi, veramente.. Geniale il finale e fantastico Duccio… Mi dovrai fare un corso d’autocontrollo la prossima volta che c’incontriamo… :P
    È stato un piacere conoscervi ieri… Spero a presto, nel frattempo “teniamo botta” tutti quanti..

    Roberto ( “Maria” ecc ecc.. :P)

  • 5 Aprile 2008 in 23:10
    Permalink

    Un sublime esempio di Living Art.
    continuate cosi’ ragazzi: siete un’ avanguardia eccelsa.

  • 6 Aprile 2008 in 10:31
    Permalink

    Nani e ballerine arroganti che sparlano, sbandierano libertà e poi nella pratica sembrano la Cina con il Tibet. Questi Bruni Colombo e Beppi Mambretti parlano per dare aria ai denti.
    Il problema grave e vero è la ciurma attorno. (e le forze di polizia che mediano mediano, per altro invano, quando invece dovrebebro far rispettare semplici regole)
    la ciurma attorno nella sala e nella cabina elettorale che silenziosa applaude complice, con la compiacenza leggera che è segno di profonda maleducazione culturale. Le opinioni vanno rispettate tutte, ma le verità vanno ricordate a tutti: soprattutto a chi come i Bruni Colombo e i Beppi Mambretti dimostrano di averne più bisogno di altri
    Qui Lecco Libera. Chapeau
    E, mi raccomando, su youtube domani eh!

  • 6 Aprile 2008 in 11:20
    Permalink

    Si possono fare alcune considerazioni.
    Ci si lamenta ,giustamente, del “bullismo” presente tra ragazzi : ma di chi è figlio il “bullismo”?
    Sotto cravatte ineleganti e abiti della domenica, nella nostra società non è diffuso il bullismo
    degli adulti? La strafottenza volgare,il dispregio della vera democrazia, il “chi se ne frega” del
    rispetto degli altri,dell’ambiente ,della convivenza civile e della diversità, la demagogia d’accatto sono qualità rare?
    Potrei continuare e finirei per descrivere gli attributi tipici dei fascisti di allora e di sempre. Nella società italiana il fascismo si è solo mimetizzato cambiando camicie ,magari non più nere,ma verdi, bianche o blu, ma il substrato è lo stesso.
    Nel ’68 uno grido di battaglia era “Fascisti,carogne,tornate nelle fogne ! ” Putroppo ne sono rimasti troppi ancora fuori.

    Voi,che tutti, qui, avete espresso partecipi sentimenti e disgusto per una fanua deleteria,
    fate un ulteriore passo e partecipate alle molte battaglie che ci saranno da fare per liberarci, anche
    in sede locale, da sempre più insopportabili prevaricazioni.

    Laviano

  • 6 Aprile 2008 in 14:05
    Permalink

    Ottimo lavoro di QLL!

    Avanti così Duccio e Benni… questa è informazione dal basso!

  • 6 Aprile 2008 in 20:12
    Permalink

    nonostante la minaccia di farti blu, per quale motivo Duccio non hai rivolto comunque la tua domanda alla signora Brambilla? male che andava ci faceva ancor più uan figura di merda lei, non ti pare? percjè sicuramente Colombo non ti avrebbe messo le mani addosso davanti a tutti, e il pubblico presente si sarebbe potuto rendere conto di chi aveva davvero difronte, qualora la risposta non fosse giunta. o mi sbaglio?
    troppo comodo dire che se no lui ti avrebbe fatto blu (che tra l’altro non risulta dal video, è la tua parola). se credi davvero in quello che fai saresti dovuto andare fino in fondo una volta per tutte.

  • 10 Aprile 2008 in 13:36
    Permalink

    Ragazzi siete sempre più interessanti…
    i servizi sono fatti bene senza arroganza e senza esagerazioni (a parte quelli di MR. COLOMBO: i love you ciccio)

    Riuscite a mettere in mostra l’ottica da bigotto lecchese industriale!

    Continuate a spaccare!

  • 14 Aprile 2008 in 12:11
    Permalink

    bravi ragazzi, menate nelle corna di questa gentaglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.