Contro l’intervento in Libia

SABATO 2 APRILE, DALLE ORE 16.30
PRESIDIO DI DIGNITA’ E INFORMAZIONE CONTRO LA GUERRA IN LIBIA
– RACCOLTO L’APPELLO DI GINO STRADA –
VIA CAVOUR (ANG. VIA CAIROLI) ZONA LIBRERIA, LECCO

Nessuna guerra è inevitabile. Le guerre appaiono alla fine inevitabili solo quando non si è fatto nulla per prevenirle. Se i governanti si impegnassero a costruire rapporti di rispetto, di equità, di solidarietà reciproca tra i popoli e gli Stati, se perseguissero politiche di disarmo e di dialogo, le situazioni di crisi potrebbero essere risolte escludendo il ricorso alla forza. Non è stato questo il caso della Libia: i nostri governanti, gli stessi che ora indicano la guerra come necessità, fino a poche settimane fa hanno finanziato, armato e sostenuto il dittatore Gheddafi e le sue continue violazioni dei diritti umani dei propri cittadini e dei migranti che attraversano il Paese.

Nessuna guerra è necessaria. La guerra è sempre una scelta, non una necessità. È la scelta disumana, criminosa e assurda di uccidere, che esalta la violenza, la diffonde, la amplifica. È la scelta dei peggiori tra gli esseri umani.

Ai governanti che vedono la guerra come unica risposta ai problemi del mondo, rivolgiamo di nuovo l’appello del 1955 di Bertrand Russell e Albert Einstein nel loro Manifesto:
«Questo dunque è il problema che vi presentiamo, netto, terribile e inevitabile: dobbiamo porre fine alla razza umana oppure l’umanità dovrà rinunciare alla guerra?»

Raccogliendo l’Appello per il “Due Aprile” di Gino Strada ed Emergency contro la guerra e l’ipocrisia internazionale, annunciamo per

Sabato 2 aprile
presidio di dignità ed informazione in via Cavour – angolo con via Cairoli
a partire dalle ore 16.30.

Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare, portando con sè una Bandiera della Pace.

Emergency Lecco-Merate
Qui Lecco Libera

2 pensieri riguardo “Contro l’intervento in Libia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.