Chiomonte, Italia

Delegittimati, picchiati, isolati. Riempiti di lacrimogeni o caricati con ruspe. La “stampa libera” soffia sul fuoco della propaganda trasversale che li vuole “violenti”, “incappucciati”, “armati”. Tra chi sostiene appelli per fermare la violenza e chi – giustamente – ricorda che oltre alla violenza andrebbero fermati anche i cantieri e i disastri ambientali, una parte d’Italia si stringe intorno ai cittadini delle comunità di quella fetta di territorio sotto attacco.

Lo Stato si presenta così ai cittadini della Val di Susa: che sia una discarica campana da avviare a forza o un movimento da schiacciare con violenza. E’ solo un problema di ordine pubblico. E’ solo un problema di repressione.

Al loro fianco, potendo nulla o pochissimo.

Un pensiero anche all’amico Turi Vaccaro.

Qui Lecco Libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.