Piano cave: le osservazioni dei “cavatori”

documentazione-spedizione

Pubblichiamo di seguito le principali osservazioni formulate al Nuovo piano cave della Provincia di Lecco, in seguito alle nostre. Da Holcim, che torna alla carica rispetto all’ambito estrattivo sul monte Cornizzolo, a Fassa Bortolo, che lega all’ampliamento a 5 milioni di metri cubi della Vaiolo Bassa (Lecco) il futuro del sito produttivo. E poi la Pav Srl -per la cava Mossini- e Unicalce, che pur avendo chiesto a tempo debito 8 milioni di metri cubi oggi ne richiede ben 10. Non contenta, l’azienda operativa nella cava Vaiolo Alta, ha richiesto persino un incontro con i progettisti e ufficio provinciale “per illustrare in modo più chiaro ed argomentato la posizione della Ditta”.

Holcim, cava Valle Oscura (Galbiate)

Holcim, cava Cornizzolo (Civate)

Pav Srl, cava Mossini (Galbiate/Pescate)

Fassa Bortolo, cava Vaiolo Bassa (Lecco)

Finim, cava sul Moregallo (Mandello del Lario)

Unicalce Spa, cava Vaiolo Alta (Lecco)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.